Statuto - mchumanitas

Vai ai contenuti

Menu principale:

                                                                
QUADRO ORGANIZZATIVO

Il Movimento prevede un Presidente, con compiti prioritari di gestione dei rapporti con il C.F.I. e di coordinamento delle varie attività in cui si esprime la vita del Movimento, un Direttore responsabile della gestione delle iniziative culturali che comportino il coinvolgimento di Enti locali, un Segretario amministrativo, un Capo redazione del "Notiziario MCH", un Coordinatore iniziative truristico-culturali, un Responsabile (di supporto alla Presidenza) delle relazioni esterne con Enti istituzionali, un Consiglio direttivo ristretto costituito dai soci “fondatori”, un Consiglio direttivo allargato comprendente soci fondatori, ordinari e straordinari, con voto deliberativo, attivo e passivo, per i primi (soci fondatori e ordinari) e voto solo consultivo per i secondi (soci straordinari), l'Assemblea generale, e cioè un' Assemblea aperta anche ai soci “simpatizzanti”.
Inoltre: una Segreteria culturale-organizzativa e, relativamente alla realizzazione del pogetto “Civitas et Humanitas”, un Comitato scientifico ( comprensivo di Direttore responsabile pubblicazione Annali “Civitas et humanitas”, nonché di Responsabili scientifici di Sezione).  


STATUTO

Art. 1 - SEDE PRO-TEMPORE
La sede ufficiale (pro-tempore) è sita presso casa Nave, Via Querceto, Bivio Fiat Casilina, Condominio "Primavera" int. 12 03030 Villa S. Lucia ( FR ), tel0 077541151

    


Art. 2 – FINALITÁ
Il Movimento non è a scopo di lucro, si fonda sul volontariato, si propone la promozione di attività culturali e di formazione, avvalendosi in tali attività del rapporto con Istituzioni pubbliche del territorio regionale per il sostegno economico-finanziario delle proprie finalità. Il tutto in un contesto di autonomia e (all’occorrenza) di collegamento operativo col C.F.I , nonché in un clima di rapporti umani improntati all’amicizia e trasparenza.
Il collegamento con il C.F.I. viene assicurato sulla base di un minimo di 10 iscritti allo stesso tramite versamento della quota sociale, comprensiva di abbonamento alla rivista “Il Contributo” (Soci ordinari). È consentita l’iscrizione con quota dimezzata a giovani laureati e simili, come a parzialmente interessati al C. F. I. (Soci straordinari).
Oltre ai Soci ordinari (denominati Soci fondatori, se sottoscrittori del presente Statuto presso il notaio) e straordinari, il Movimento prevede anche Soci simpatizzanti (soci disposti, all’occorrenza, a collaborare per la realizzazione di eventuali iniziative del Movimento o semplicemente a sostenerlo moralmente, anche con la mera partecipazione alle sue manifestazioni culturali ) e Soci onorari (personalità del mondo della cultura e delle Istituzioni operativamente vicine alle iniziative del Movimento).
.
Art. 3 - ATTIVITÀ CULTURALE MINIMA
Partecipazione (possibilmente in maniera solidalmente organizzata) alle iniziative del Centro, segnatamente ai suoi Convegni, con diritto di prendere parte alle sue cicliche Assemblee (l’eventuale partecipazione a tali Assemblee consente l’esercizio del voto deliberativo attivo e passivo ai Soci ordinari, solo consultivo a quelli “straordinari”).

Art. 4 - INIZIATIVE CULTURALI AUTONOME DEL MOVIMENTO
1 – Creazione di un “Sito Humanitas”, oltre ad una Posta elettronica quale normale strumento di collegamento per la vita del Movimento.
2 - Subordinatamente alla disponibilità di Enti sponsorizzanti, realizzazione di un Organo di stampa in grado di collegare studi di natura teoretica con ricerche, per quanto possibile, su tematiche connesse con il territorio, segnatamente con la realtà socio-culturale in cui si trova ubicato l’Ente sponsorizzante di turno. Titolo ipotizzato: <Civitas et Humanitas – Annali di cultura etico-politica>, con suddivisione in tre sezioni (Sezione filosofica, Sezione socio-psico-pedagogica , Sezione aperta, nella quale opportunamente potrebbe di volta in volta confluire una ricerca storica rapportata al territorio dell’Ente sponsorizzante).
3 – Realizzazione di seminari, tavole rotonde (anche tipo "Salotto"), incontri con personalità della cultura e, soprattutto (nell'ipotesi di cui al precedente comma) di una giornata di Convegno sulle problematiche presenti nell’<<Annale>> da realizzare possibilmente presso la sede dell’Ente sponsorizzante di turno.
4 - Interscambi culturali con altri Centri di ricerca, segnatamente con quelli collegati a soci M.C.H.
5– Viaggi culturali e iniziative analoghe.
Il tutto prevalentemente sulla base della creatività e intraprendenza dei singoli soci, segnatamente per quanto concerne un auspicabile coinvolgimento di Enti locali.

5 - ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO
Il Movimento prevede un Presidente, con compiti prioritari di gestione dei rapporti con il C.F.I. e di coordinamento delle varie attività in cui si esprime la vita del Movimento stesso, un Direttore responsabile della gestione delle iniziative culturali che comportino il coinvolgimento di Enti locali, un Segretario amministrativo, un Responsabile (di supporto alla Presidenza) delle relazioni esterne con Enti istituzionali, un Capo Redazione "Notiziario M.C.H.", un Coordinatore iniziative turistico-culturali, un Collegio sindacale con compiti di controllo amministrativo, un Consiglio direttivo ristretto costituito dai soci “fondatori”, un Consiglio direttivo allargato comprendente soci fondatori, ordinari e straordinari, con voto deliberativo, attivo e passivo, per i primi (soci fondatori e ordinari) e voto solo consultivo per i secondi (soci straordinari), l’Assemblea generale ( aperta anche ai soci “simpatizzanti”).
Inoltre: una Segreteria culturale-organizzativa e, relativamente alla realizzazione del progetto “Civitas et Humanitas”, un Comitato scientifico ( comprensivo di Direttore responsabile pubblicazione Annali “Civitas et humanitas”, nonché di Responsabili scientifici di Sezione).
Il Movimento, infine, prevede anche la possibile costituzione di sedi decentrate, sulla base tuttavia di una proposta presentata da almeno tre soci fondatori od ordinari operativamente interessati alla traduzione in essere del progetto.
Al Direttivo ristretto spetta ufficializzare l’adesione di nuovi soci al Movimento (per i soci solo simpatizzanti, l’ufficializzazione di norma avviene sulla base della presentazione di un socio fondatore od ordinario), come pure decidere sull’eventuale istituzione di sedi M.C.H. decentrate.

Art. 6 – RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO ALLARGATO
Il Consiglio direttivo, di norma, si riunisce su iniziativa del Comitato di Presidenza (Presidente, Direttore, Segretario amministrativo, Capo redazione "Notiziario M.C.H., Coordinatore iniziative turistico-culturali) o su richiesta di almeno tre soci tra fondatori ed ordinari (almeno cinque soci, se straordinari), come anche su richiesta di singoli soci portatori di concrete ipotesi di progetti culturali , specie se correlati al programma <Civitas et humanitas>. Rimane comunque assicurata la riunione del Consiglio allargato per almeno due volte l’anno (orientativamente nei mesi di maggio e dicembre)

Art. 7 – CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA <GENERALE>
L’Assemblea <generale> (Soci fondatori, ordinari, straordinari e simpatizzanti) viene convocata almeno una volta l’anno, possibilmente (nel caso di traduzione in essere del progetto) in occasione del Convegno relativo al numero annuale di <Civitas et Humanitas>.

Art. 8 – Il direttivo ristretto (per la parte elettiva ) dura in carica di norma 3 anni.
Lo Statuto rimane aperto ad eventuali integrazioni, purché in linea con le finalità di fondo del Movimento. Cariche, uffici e simili (di cui segnatamente all’art. 5) possono parzialmente tacere o essere accorpati a seconda delle esigenze operative concrete. Su ciò tuttavia a decidere sarà il Direttivo ristretto, a cui peraltro spetta anche decidere, all’occorrenza, sull’interpretazione del medesimo Statuto ai fini operativi concreti.
Per quanto non previsto nel presente Statuto (ove se ne dovesse avvertire la necessità), si rinvia alla normativa generale stabilita dal Codice Civile.

NB. Nel versamento della quota sociale al C.F.I. (quota comprensiva anche di abbonamento alla rivista “Il Contributo”), specificare come causale: Quota sociale – Anno – Sezione “Umanitas” del Cassinate.
Il versamento di € 30,00 (Soci ordinari) o di € 15,00 (Soci straordinari) va fatto sul C/Cn 39227004 intestato a:
 “Centro per la filosofia italiana”,
Palazzo Annibaldeschi – V. Annibaldeschi, n.2 – C.A.P. 00040 Montecompatri (RM)





 
Torna ai contenuti | Torna al menu