2018 VOLUME IX - mchumanitas

Vai ai contenuti

Menu principale:

CIVITAS ET HUMANITAS
2018 VOLUME IX

<
Uguaglianza e diversità in una società multietnico-culturale
>
Pubblicazione del volume Uguaglianza e diversità in una società multietnico-culturale
(Nono volume della serie Civitas et humanitas)
Dopo un lungo e impegnativo lavoro di coordinamento e revisione contenuti, si è approdati alla pubblicazione del volume Uguaglianza e diversità in una società multietnico–culturale (nono volume dellaserie CIVITAS ET HUMANITAS, progetto interuniversitario di ricerche promosso dal nostro “Movimentoculturalehumanitas”, Sezione del “Centro per la filosofia italiana”). La problematica, sottolineata dal titolo del volume, è una problematica diventatanel nostro tempo (percerti aspetti) una problematica di quotidiana attualità, solcata tuttavia da zone d’ombra che si trascina dietro dal lontano passato.Sono noti i rumori fatti intorno alla parola “uguaglianza” a partire dalla rivoluzione francese. Ma sono altrettanto noti i risvolti fallimentari a cui, in non pochi casi, sono approdati certi tentativi di faredell’uguaglianza la bandiera di una società ideale.
Che cos’è che in tale direzione non è andato secondo le attese? Non certo l’istanza di fondo adombrata nel presupposto base del diritto all’uguaglianza, ma il modo con cui si è tentato di tradurre in essere quell’istanza. Stando ad un’analisi particolarmente attenta del problema, l’aver trasferito il concetto di uguaglianza dal piano “quantitativo” degli schemi fisico- matematici, “inetti a comprendere la vita” (B. Croce), a quello “qualitativo” del “vivente” che è creatività incessante, e cioè l’esatto opposto di ciò che è fissità, stabilità. O, per andare più in fondo al problema: l’aver disatteso il suo nesso coessenziale con la diversità, un fattore condizionante dello stesso sviluppo dell’uomo come persona … al punto che Paul Ricoeur può affermare: “l’ipseità del se stesso implica l’alterità al punto che l’una non si lascia pensare senza l’altra”, e conseguentemente, per questo verso, rifiutare l’altro è un po’ come rifiutare anche se stessi.
Di modo che, tenendo presente lo sfondo teoretico d’insieme, più che di diritto all’uguaglianza, si dovrebbe parlare di uguale diritto ad essere diversi.
È la direzione intorno a cui ruotano variamente i contributi di studio della “Sezione specifica” del volume.
Qui di seguito, oltre al pdf della copertina (seguito dall’elenco dei membri del Comitato scientifico variamente coinvolti nel progetto Civitas et humanitas), l’INDICE dei saggi e relativi autori.



Mariafilomena ANZALONE
Università della Basilicata
Salvatore AZZARO    
Università di Cassino e del Lazio meridionale
Pietro BOCCIA
Sociologo
Franco BOSIO
Università di Verona
Marcello Caliman
Saggista e culture Storia moderna
Università Pegaso - Napoli
Giuseppe CANTARANO
Università della Calabria
Giuseppe CANTILLO
Università Federico II - Napoli
Santino CAVACIUTI
Università di Genova
Marco CELENTANO
Università di Cassino e del Lazio meridionale
Maria Gabriella DE SANTIS
Università di Cassino e del Lazio meridionale
Clementina Gily REDA
Università Federico II - Napoli
Pasquale GIUSTINIANI
Università Suor Orsola Benincasa – Napoli
Michele INDELLICATO
Università di Bar
Lelio IMBRIGLIO
Università E-Campus Novedrate (CO)
Michele LEONE
Musicologo
Carlotta MARGIOTTA
Facoltà teologica S. Tommaso
Sezione Filosofica – Napoli
Carlo MARSONET
Università di Bologna
Alberto NAVE
Università di Cassino e del Lazio meridionale
Ciro SENOFONTE
Università della Basilicata
Fiorenza TARICONE
Università di Cassino e del Lazio meridionale
Orlando TODISCO
Università di Cassino e del Lazio meridionale
APPENDICE STORICA
Laura PETRICCA
Docente di Disciline letterarie

 
Torna ai contenuti | Torna al menu